VISITATORI:

Ultime News

Grid List

Non tutti i DAE sono uguali, e quando si parla di bambini non possiamo sbagliare. Ancora oggi molte persone vivono l’acquisto del defibrillatore con un "obbligo di legge", o come un disbrigo al pari dell’acquisto di un qualunque elettrodomestico.

Ecco alcune cosa che non puoi non sapere se devi proteggere davvero tuo figlio.
Quando anni fa scoprirono che la manovra di Heimlich praticata alla persona divenuta incosciente per una ostruzione era inutile e dannosa, tutto iniziò a prendere una piega diversa.

Molti anni fa come  medico volontario iniziai una serie di lezioni conte teoria e pratica, ai ragazzi delle scuole medie grazie ad una maestra illuminata di nome Laura. Era la compagna di un caro collega di corso e lei credeva fermamente che il messaggio ai ragazzi di 12 anni, su come salvare un bambino in caso di ostruzione da corpo estraneo, potesse essere un modo per far comprendere loro il Valore reale della vita.

Oramai l’enorme quantità di informazioni sulla prevenzione primaria, hanno creato una maggiore consapevolezza all’interno della nostra società nelle famiglie con bambini piccoli: sappiamo cosa non mettere a tavola, conosciamo gli oggetti più a rischio, facciamo attenzione ai giochi non a norma , rispettiamo le indicazioni delle fasce di età.

Se a tavola mentre mio figlio mangia qualcosa va di traverso e mette le mani intorno al collo, inizia a tossire, diventa prima rosso in volto e poi scuro... cosa dovrei fare? Dovrei provare a rimuovere l’alimento o il corpo estraneo con le mie dita?

Arriva prima o poi nella vita un momento dove sei messa a dura prova, arriva un momento dove non tutto è come tu vorresti, e dove -guarda caso- potresti essere tu a fare la differenza. Se hai fatto il corso completo di manovre disostruzione pediatriche+rianimazione cardiopolmonare pediatrica, anche con abilitazione all’uso del defibrillatore, allora devi sapere che PER SEMPRE nel tuo cervello hai ricevuto l’imprinting per saper fare la cosa giusta , nei tempi giusti.

Ancora oggi molte persone ritengono “eccessivo” frequentare un corso di manovre di disostruzione e rianimazione pediatrica di poche ore per approfondire le conoscenze, per contrastare eventuali incidenti da soffocamento da corpo estraneo, che potrebbero coinvolgere un bambino soprattutto al di sotto dei 4 anni.

Ancora oggi siamo costretti a leggere articoli dove, le dimenticanze e le mancate "bonifiche" di cassetti e comodini nelle nostre case, portano bambini piccoli in ospedale con codici rossi. A volte anche con esiti infausti.

E’ finita la scuola e ci si appresta ad andare in vacanza, ma i tempi sono cambiati e le vacanze di 3 mesi con tutta la famiglia... sono un antico ricordo degli anni ’70. Oggi il papà e la mamma (magari tutti e due) lavorano ed hanno -se tutto va bene- solo 20 giorni di vacanza. Ma siccome la città è calda e il "pupo" deve "andare al mare più possibile altrimenti questo inverno si ammala di più", si sfruttano i nonni che diventano il "perno" della famiglia.

Sono ancora tante -forse troppe- le regioni che ancora non hanno reso obbligatori i corsi di manovre disostruzione pediatriche e rianimazione cardiopolmonare (con uso del defibrillatore) , per proteggere al meglio la vita di ogni bambino a scuola, per le maestre della scuola dell’infanzia ed ovunque si trovi un bambino.

Molto spesso nelle scuole si trovano bambini con "diverse abilità" che sono costretti a vivere sulla sedia a rotelle, e molte maestre hanno sempre lo stesso dubbio: "Un bambino sulla sedia a rotelle se si ostruisce ha bisogno di manovre speciali?"

Ecco come capire se l’asilo o la scuola dell’infanzia dove lasci tuo figlio è DAVVERO protetta, e cosa chiedere in caso non lo sia. Impara le domande da porre e selezionala dopo aver visto i requisiti.

Le attuali normative prevedono che le Aziende debbano far fare ai propri dipendenti responsabili RSPP, il corso di Primo Soccorso Aziendale ai sensi del Decreto 15 Luglio 2003 n. 388. Normalmente il corso è strutturato per offrire tutte le conoscenze necessarie per ricoprire l’incarico per addetti al servizio aziendale di primo soccorso e gestione delle emergenze.